Crea sito

1
La magia dell’Avvento nel cuore della Germania a soli 60 chilometri dalla più conosciuta Norimberga.
Bamberga, nel cuore della Germania, è un luogo dove si respira l’atmosfera magica dell’Avvento. A soli 60 chilometri dalla più conosciuta Norimberga, celebre per il mercato natalizio, Bamberga ha il vantaggio di essere una delle poche città tedesche uscita quasi indenne dalla Seconda guerra mondiale. Dal romanico in poi, ogni stile architettonico è presente in città: palazzi e chiese di un centro storico che è entrato a far parte del patrimonio Unesco, sono lo scenario ideale per seguire il Krippenweg, il sentiero dei presepi (dal 26 novembre al 6 gennaio). Ci sono una quarantina di scene ispirate alla Natività sparse fra edifici religiosi, residenze pubbliche e private, musei, piazze, strade. Si va dalle miniature alle scene a grandezza naturale, con l’impiego dei più svariati materiali, dal legno alla ceramica, dalla porcellana ai tessuti. 
Fra i luoghi che ospitano i presepi ci sono anche molte delle principali attrazioni turistiche della città. Come la fortezza dell’Altenburg che domina Bamberga da una collina posta a sud-ovest del centro. Dall’ex residenza dei principi-vescovi si gode uno dei migliori panorami sul centro storico che è uno dei gioielli della Franconia e dell’intera Germania. All’interno si può ammirare un presepe con i personaggi che indossano i costumi della tradizione francone.
Ridiscesi nella città bassa (Unterstadt), su un isolotto formato da due ramificazioni del fiume Regnitz, si incontra l’Altes Rathaus, il vecchio municipio. Ha l’aspetto di un vascello rococò, decorato da fastosi affreschi che sembra resistere alla corrente impetuosa del fiume. Il presepe è costituito da figurine barocche in porcellana che appartengono alla collezione Ludwig. Dall’Untere Brücke si ha una bella veduta sulle vecchie case di pescatori che formano il quartiere della Klein Venedig, ovvero la piccola Venezia. Questione di acque, canali, barche a fondo piatto e piccoli attracchi privati: tutto molto pittoresco, senza essere “finto”, perché qui, in queste belle case a graticcio, la gente del posto continua a viverci. A Bamberga i paragoni si sprecano: oltre ad essere paragonata alla città lagunare, può anche vantarsi di venir considerata la “Roma della Franconia”, perché è costruita su sette colli, come il modello a cui si ispirò l’imperatore Enrico II nell’XI secolo. Per continuare a seguire la via dei presepi ci si arrampica sulla principale di queste colline, la più famosa e la più santa, perché ospita la splendida cattedrale, il Dom. Costruita sul modello delle cattedrali imperiali renane, l’edificio – consacrato nel 1012 ma ricostruito nel Duecento a seguito di un incendio – mostra il momento di transizione dal romanico al gotico di ispirazione francese. Ma il Dom è soprattutto un grande museo di sculture. 
Si può iniziare dai portali come il Fürstenportal, sul lato nord della navata, e il Marienportal che rappresenta la Madonna con Gesù che vengono adorati dai patroni San Pietro e San Giorgio, dai fondatori e dai costruttori della chiesa. All’inizio della navata centrale c’è la tomba di Enrico II e della moglie Cunegonda realizzata nel 1513 da Tilman Riemenschneider. La statua certamente più famosa è quella che rappresenta il misterioso Bamberger Reiter, il cavaliere di Bamberga, personaggio a cavallo risalente al 1230 circa. In epoca nazista fu accolta l’idea che si trattasse di un imperatore tedesco e la statua divenne il simbolo dell’armonia ariana e utilizzato come strumento di propaganda. Il motivo per cui il Dom si inserisce nel tema del “sentiero dei presepi” è l’altare della Natività che si trova nel transetto sud. E’ uno dei capolavori di Veit Stoss, che lo realizzò in legno di tiglio già ottantenne a Norimebega su commissione del figlio, priore carmelitano della città. Quando questi fu cacciato dall’avvento della Riforma, l’altare fu spostato a Bamberga nel 1543. Il tour della Cattedrale può essere completato con la visita del Museo Diocesano dove si ammirano figure del presepe dall’epoca barocca a quella moderna.
Ridiscesi nella città bassa e attraversati i due rami del fiume Reignitz su uno dei diversi ponti, si deve fare ancora una sosta nella graziosa Schillerplatz. Qui, al numero 26, c’è la casa-museo dove visse per cinque anni, il poeta, compositore, direttore d’orchestra e regista teatrale Ernst Theodor Amadeus Hoffmann. Calarsi nelle atmosfere fantastiche dei racconti dello scrittore, una delle figure più importanti del romanticismo tedesco, è il modo migliore per entrare nel clima natalizio in Germania.

fonte http://viaggi.lastampa.it/


1

fonte portale http://www.comune.villa-minozzo.re.it/

Trovare la mostra permanente delle opere di Pigozzi è molto semplice. Cerchi con lo sguardo il campanile della chiesa di San Marco a Gazzano e, accanto, in una antica stalla dismessa trovi lei. Come una nonna, una buona nonna, capace di prenderti per mano e di condurti tra i magnifici diorami di Antonio, alla scoperta di un Dio che si è fatto bambino. In quelle dodici ambientazioni di fine Ottocento, ma anche senza tempo perché colme di quell'atmosfera del Natale che tutti, prima o poi, abbiamo respirato. Ci sono i pastori e Giuseppe e la Madonna, le case in sasso e i mestieri di un tempo, gli animali da cortile e i Re Magi in arrivo, ci sono i fanciulli che giocano e Gesù Bambino. Le scene classiche del Presepe le ammiri qui. E se tu, visitatore, ti fermi e lasci fuori le frenesie del vivere moderno, ascolta l'eco dei canti in sottofondo e lasciati trasportare all'interno dei diorami per provare la magia del Presepio.

 

Ci sono tre preziose cupole trlicciate,  intonacate a calce e dipinte ad affresco opera del Laboratorio del restauro di Giovanni Gazzotti e, nella sua austera semplicità, tutto è curato nel dettaglio, persino le didascalie delle scene sono state commissionate all'artista e calligrafo Ugo Viappiani.

 

La mostra, completamente rinnovata (con ingresso a offerta libera), è stata inaugurata nel dicembre 2004: da allora è stata visitata da oltre dicimila persone da tutta Italia e dall'estero.

 

Ubicazione

I presepi di Antonio Pigozzi si trovano di fianco alla chiesa di San Marco di Gazzano in una antica stalla risistemata per accogliere queste meraviglie.

 

Apertura

  • Domenica e festivi (gennaio - aprile - maggio - giugno - luglio - settembre - dicembre) dalle 15:00 alle 19:00;
  • Tutti i giorni dal 24 dicembre al 6 gennaio e dal 1 agosto al 31 agosto dalle 15:00 alle 19:00;
  • Chiuso (visitabile su prenotazione) febbraio - marzo - ottobre - novembre

 

Responsabile della mostra:

Antonio Pigozzi  via del Monte 3,  42030 Gazzano(RE) Tel: 0522/803287   cell.338/3459222

 

Altri referenti:

  • Paola Masini    tel.  0522/803230   cell. 3408110339  
  • Mara Gigli       tel.  0522/803143  o  0522803330
  • Liliana             cell. 347/1566297

 

Altre immagini e info al sito Gazzano in presepe



1
Sei un presepista o un maestro d'arte e vuoi farti conoscere? Vuoi pubblicizzare la tua pagina, il tuo blog o sito web; vuoi far conooscere la tua bottega d'arte o semplicemente le tue tecniche di costruzione? Inviaci un email con tutto l'occorrente ( curriculum, foto, info ) a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Dopo aver visionato l'email  verrà creata una pagina personalizzata sul portale e verrai informato.


Ti aspettiamo!!!!
1

Hai fotografato il tuo presepe? Carica la foto attraverso il form sotto elencato e invialo alla redazione. Stiamo creando una galleria fotografica che raccoglie tutti i vostri presepi. Se hai problemi con il modulo sotto, invia la foto tramite email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


...
1
 

Potrebbe interessarti anche

Tutte le informazioni che hanno per tema l'arte presepiale ( tecniche, mostre, tutorial, maestri e presepisti ) che trovate su questo portale sono concesse dagli autori stessi e dalle associazioni.  Le news che riguardano il mondo presepistico sono recuperate dal web e in ogni articolo viene inserita la fonte di appartenenza. Se riscontrate un articolo dove non e' inserita la fonte vi preghiamo di darcene informazione tramite email [email protected] Sarà nostra cura aggiornare l'articolo.

Questo sito web utilizza la tecnologia dei COOKIES per migliorare l'esperienza generale del sito. Continuando ad utilizzare questo sito stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei COOKIES. Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso fai click su I AGREE. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information