Crea sito
La domenica delle palme

La domenica delle palme

    Domenica delle Palme, o Domenica della Passione del Signore, è la festa che nel...

San Giuseppe, perche' si festeggia

San Giuseppe, perche' si festeggia

Così recita il Martirologio Romano: «Solennità di san Giuseppe, sposo della beata Vergine Maria:...

GIUDA morì prima o dopo la risurrezione di Gesù?

GIUDA morì prima o dopo la risurrezione di Gesù?

  GIUDA morì prima o dopo la   risurrezione di Gesù? Giuda altro non...

Intorno al presepe: idee, emozioni, sensazioni e storia

Intorno al presepe: idee, emozioni, sensazioni e storia

  Ino Cardinale -  Nel buio della notte… il Mistero! «E Maria diede alla luce il...

PRESEPI   ARTISTICI    FRANCO E ANTONIO DIMA

PRESEPI ARTISTICI FRANCO E ANTONIO DIMA

  Franco e Antonio nella vita fanno ben altro Franco Architetto, Antonio ragazzo di soli...

L'aspetto di Gesù - di   Franco e Antonio DIMA

L'aspetto di Gesù - di Franco e Antonio DIMA

Aspetto di Gesù Come tutti sappiamo la storia dell’arte ci ha tramandato l’aspetto di...

  • La domenica delle palme

    La domenica delle palme

    Sabato, 08 Aprile 2017 22:03
  • San Giuseppe, perche' si festeggia

    San Giuseppe, perche' si festeggia

    Domenica, 19 Marzo 2017 06:58
  • GIUDA morì prima o dopo la risurrezione di Gesù?

    GIUDA morì prima o dopo la risurrezione di Gesù?

    Domenica, 05 Marzo 2017 00:13
  • Intorno al presepe: idee, emozioni, sensazioni e storia

    Intorno al presepe: idee, emozioni, sensazioni e storia

    Sabato, 11 Febbraio 2017 15:54
  • PRESEPI   ARTISTICI    FRANCO E ANTONIO DIMA

    PRESEPI ARTISTICI FRANCO E ANTONIO DIMA

    Sabato, 11 Febbraio 2017 14:47
  • L'aspetto di Gesù - di   Franco e Antonio DIMA

    L'aspetto di Gesù - di Franco e Antonio DIMA

    Giovedì, 02 Febbraio 2017 10:49

Su gentile concessione di Enrico Mancini de Il Viandante ( lestrodelviandante.jimdo.com ) pubblichiamo come e perche' è stato realizzato il presepe francescano

Di seguito troverete spiegazione, immagini e video correlati

 

Come e perché è stato realizzato Il Presepe Francescano.

Il Presepe Francescano è stato realizzato perché volevo rappresentare l’ evento della Natività ispirandomi agli affreschi di Giotto  ad Assisi e al carisma di San Francesco e i suoi confratelli. L’arte di Giotto offre un genuino e prezioso insegnamento visivo sulle tematiche religiose, possiede con modernità per la sua epoca lo  sguardo tridimensionale delle cose, delle sue architetture a cui  si unisce l’emozione intensa e  fortemente espressiva dei personaggi raffigurati ed è coinvolgente, una vera cronaca dei fatti senza bisogno di parole. Nel Presepe Francescano è ben visibile il collegamento con alcuni affreschi del maestro Giotto che narrano la Storia di San Francesco, è presente nello scenario il richiamo a tre affreschi in special modo: il Miracolo della fonte, la raffigurazione di San Silvestro ad Arezzo, il Ritorno di Cristo a Gerusalemme.

 Nel paesaggio che fa da sfondo alla Natività sono presenti anche dei riferimenti ad altre opere di altri artisti collegate al tema della Natività con influenze giottesche come gli affreschi nella basilica di S. Caterina a Galatina, gli affreschi della Vergine e il richiamo architettonico degli affreschi di Luca Signorelli. Collegata ai momenti salienti della Vita di San Francesco è anche l’opera di Simone  Martini nell’affresco che raffigura il santo che incontra Sant’Antonio di Padova ad Assisi. Ho voluto inserire quindi i due emblemi del francescanesimo mediante le due figure dei Santi che esprimono la gioia dell’incontro e nel momento più importante quando l’ordine fondato dal santo di Assisi si va espandendo, nel 1221 per il Capitolo delle stuoie.

La Sacra Famiglia protagonista di ogni presepe si volge come modello di Amore, di Speranza e di Fede per ogni famiglia umana, ed è per questo che nel mio Presepe Francescano i riferimenti alla vita familiare e alla nascita di un bambino sono ben tre, tre Natività. Se si osserva attentamente si nota che alla porta delle Mura  che precedono lo sfondo della città di Arezzo, è presente sulla sinistra un piccolo quadretto familiare, sulla colonna una Natività in miniatura fa da sfondo all’incontro con i santi e poi  la grande Capanna che ospita la Sacra Famiglia al centro del presepe. La figura di Sant’Antonio nell’immaginario collettivo è accogliere fra le braccia il Bambinello. Si può dire che il Bambinello nasce in ogni famiglia che lo accoglie, nasce nella casa che lo accoglie e che attraverso la tradizione del Presepe si fa partecipe della sua Natività.

 

 

Essendo questa opera presepiale dedicata e vissuta sulle orme di San Francesco e dei suoi narratori, per ricordare la vita dei santi francescani ho inserito nella rappresentazione delle loro citazioni scritte su carta visibili sulla “Capanna della Natività” e alla base del presepe. Frasi che evocano la povertà evangelica e la missione di pace tipiche del carisma francescano.

 

 

Il materiale

 

Il presepe Francescano è stato realizzato per lo scenario con l’utilizzo del  cartone e qualche inserimento per le rifiniture o dettagli usando gomma crepla e  sughero, i paesaggi sono stati dipinti con colori acrilici. La “locanda”, la “capanna” le mura merlate, la “casina degli animali”, gli alberi e altri elementi architettonici sono stati realizzati con l’uso del cartone rigido e cartoncino. Le statuine sono di diverso materiale, alcune in terracotta, altre di origine plastica, le figure dei santi sagomate, sono state realizzate con cartone e juta e dipinti, altre statuine con l’utilizzo di feltro e base di polistirolo. La Natività in miniatura sopra una colonna è stata realizzata in sughero e gomma crepla, con statuine di plastica.

 

Enrico Mancini

 



 

 

 

Tutte le informazioni che hanno per tema l'arte presepiale ( tecniche, mostre, tutorial, maestri e presepisti ) che trovate su questo portale sono concesse dagli autori stessi e dalle associazioni.  Le news che riguardano il mondo presepistico sono recuperate dal web e in ogni articolo viene inserita la fonte di appartenenza. Se riscontrate un articolo dove non e' inserita la fonte vi preghiamo di darcene informazione tramite email [email protected] Sarà nostra cura aggiornare l'articolo.

Questo sito web utilizza la tecnologia dei COOKIES per migliorare l'esperienza generale del sito. Continuando ad utilizzare questo sito stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei COOKIES. Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso fai click su I AGREE. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information