Crea sito
Ritrovati 250 pastori napoletani; al via il riconoscimento

Ritrovati 250 pastori napoletani; al via il riconoscimento

  Chissà se a qualcuno nel corso delle perquisizioni è venuta in mente la celebre battuta...

Natale, 9 cose da sapere

Natale, 9 cose da sapere

  PERCHÉ LA CHIESA CATTOLICA LO FESTEGGIA IL 25 DICEMBRE?   Un antico documento,...

I personaggi di star wars nel presepe napoletano

I personaggi di star wars nel presepe napoletano

Ci sono tutti. Luke Skywalker, con la sua mano meccanica, suo padre Darth Vader,...

La tomba di gesù

La tomba di gesù

    Nel corso dei secoli la Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme ha subito...

Il Presepe Meccanico dell' Oratorio Salesiano Michele Rua di Torino.

Il Presepe Meccanico dell' Oratorio Salesiano Michele Rua di Torino.

I preparativi natalizi al Michele Rua di Torino iniziano già a luglio e questo ci fa capire che...

Tutorial  - Piccolo presepe in una mano

Tutorial - Piccolo presepe in una mano

Realizzazione di un piccolo presepe all'interno del palmo di una mano ricreata con malta Si...

  • Ritrovati 250 pastori napoletani; al via il riconoscimento

    Ritrovati 250 pastori napoletani; al via il riconoscimento

    Martedì, 16 Gennaio 2018 18:21
  • Natale, 9 cose da sapere

    Natale, 9 cose da sapere

    Martedì, 26 Dicembre 2017 14:40
  • I personaggi di star wars nel presepe napoletano

    I personaggi di star wars nel presepe napoletano

    Domenica, 10 Dicembre 2017 09:00
  • La tomba di gesù

    La tomba di gesù

    Giovedì, 30 Novembre 2017 06:34
  • Il Presepe Meccanico dell' Oratorio Salesiano Michele Rua di Torino.

    Il Presepe Meccanico dell' Oratorio Salesiano Michele Rua di Torino.

    Domenica, 26 Novembre 2017 18:41
  • Tutorial  - Piccolo presepe in una mano

    Tutorial - Piccolo presepe in una mano

    Martedì, 14 Novembre 2017 03:57

 

 

Nel corso dei secoli la Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme ha subito numerosi e violenti attacchi, incendi e terremoti. Tra l’altro venne completamente distrutta nel 1009 dall’Imam fatimideal-Hakim bi-Amr Allah, che la sradicò fino alle fondamenta, ma successivamente fu ricostruita. Gerusalemme, i lavori di restauro dell’Edicola del santo sepolcro, la struttura che racchiude la tomba. Getty           

Ancora oggi però, scienziati e uomini di fede si chiedono se in quel luogo vi è realmente la tomba di Gesù Cristo, che una delegazione giunta da Roma circa 17 secoli fa portò alla luce.

Ora una ricerca finanziata dal National Geographic, iniziata nel 2016, è giunta a una conclusione estremamente importante: i resti di una antica tomba presenti all’interno della Chiesa risalgono certamente al periodo degli antichi romani.

Fino a oggi infatti, gli elementi architettonici che circondavano la tomba erano datati al periodo crociato mentre ora dobbiamo spostare indietro la sua età di circa 1.000 anni.

Se da un lato non è ancora possibile dire se la tomba è realmente il luogo di sepoltura di un individuo ebreo noto come Gesù di Nazareth che secondo i racconti del Nuovo Testamento fu crocifisso a Gerusalemme tra il 30 e il 33 dalla nascita dello stesso Gesù Cristo, i nuovi risultati dicono inequivocabilmente che il complesso attorno alla tomba risalgono al tempo di Costantino, primo Imperatore Cristiano di Roma. Ricostruzione del Golgota, la collina e dove è avvenuta la crocefissione di Gesù e dove si troverebbe la sua tomba, all’epoca dei fatti.           

La tomba è stata aperta per la prima volta dopo numerosi secoli nel mese di ottobre del 2016 quando il Santuario che la racchiude è stato sottoposto a un significativo restauro da parte di un gruppo interdisciplinare guidato dalla National Technical University di Atene.

 

Durante i lavori sono stati datati diversi campioni di malta che si trovano all’interno dell’Edicola, ossia la struttura che racchiude la tomba, e i risultati sono stati divulgati dal Supervisore dei Lavori Antonia Moropoulou.

Ora è possibile ricostruire gli eventi in questo modo: quando i rappresentanti di Costantino arrivarono a Gerusalemme attorno al 325 per cercare la tomba di Gesù Cristo venne indicato un tempio romano costruito circa 200 anni prima.

Il tempio però era stato raso al suolo e gli scavi al di sotto di esso rilevarono una tomba incavata nel calcare. Venne così aperta la parte superiore della tomba stessa per esporre l’interno e venne costruita l’Edicola attorno ad essa. Nella tomba è presente quello che viene chiamato “letto di sepoltura”, che, secondo la tradizione, raccolse il corpo di Gesù Cristo dopo la crocifissione. Vi sono numerose mensole e nicchie scavate nella grotta calcarea, caratteristica comune delle tombe degli ebrei ricchi di Gerusalemme del primo secolo.

Quando la tomba fu aperta nella notte del 26 ottobre del 2016 i ricercatori rimasero sorpresi di quel che trovarono sotto il rivestimento in marmo: una ulteriore lastra di marmo ancora più vecchia con incisa una croce che poggiava direttamente sulla superficie calcarea dove si metteva il corpo da seppellire.

La croce sulla lastra interna alla tomba           

Alcuni ricercatori ipotizzano che quella lastra venne deposto durante il periodo crociato, mentre altri ipotizzavano una data precedente, suggerendo che poteva già essere in quel luogo quando la Chiesa fu distrutta nel 1009.

I nuovi test rivelano che la lastra inferiore venne probabilmente deposta nella metà del IV secolo, una vera sorpresa per tutti coloro che studiano la storia del monumento sacro. I campioni prelevati dal muro sud della tomba sono stati datati 335 e 1570, date che forniscono ulteriori nuovi elementi di prova dei lavori di costruzione che vennero realizzati durante l’epoca romana e successivamente durante il XVI secolo.

Moropoulou ha detto: “È estremamente interessante avere le prove della datazione del primo santuario e la sequenza di eventi cui fu sottoposta l’Edicola”. Per avere la certezza delle datazioni i campioni di malta sono stati datati indipendentemente da due laboratori separati utilizzando una tecnica che determina per quanto tempo un sedimento quarzoso è stato esposto alla luce, una tecnica chiamata OSL (optically stimulated luminescence). I risultati saranno presto pubblicati sul Journal of Archaeological Science: Report.

 

fonte : http://www.msn.com/it-it/notizie/other/e-se-fosse-lei-la-tomba-di-ges%C3%B9-cristo-a-gerusalemme-%C3%A8-almeno-mille-anni-pi%C3%B9-antica-di-quanto-si-pensasse/ar-BBFUcj7?li=AAaxHVJ&MSCC=1512020792&ocid=ientp

 

 

Tutte le informazioni che hanno per tema l'arte presepiale ( tecniche, mostre, tutorial, maestri e presepisti ) che trovate su questo portale sono concesse dagli autori stessi e dalle associazioni.  Le news che riguardano il mondo presepistico sono recuperate dal web e in ogni articolo viene inserita la fonte di appartenenza. Se riscontrate un articolo dove non e' inserita la fonte vi preghiamo di darcene informazione tramite email [email protected] Sarà nostra cura aggiornare l'articolo.

Questo sito web utilizza la tecnologia dei COOKIES per migliorare l'esperienza generale del sito. Continuando ad utilizzare questo sito stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei COOKIES. Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso fai click su I AGREE. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information